11 gennaio 2008 - 11 gennaio 2018: dieci anni con Midda's Chronicles!

Midda Bontor: donna guerriero per vocazione, mercenaria per professione.
In una realtà dove l'abilità nell'uso di un'arma può segnare la differenza fra la vita e la morte
e dove il valore di una persona si misura sul numero dei propri avversari uccisi,
ella vaga cercando sempre nuove sfide per offrire un senso alla propria esistenza.


Dall'11 gennaio 2008, ogni giorno un nuovo episodio,
un nuovo tassello ad ampliare il mosaico di un sempre più vasto universo fantastico...
... in ogni propria accezione!

Scopri subito le Cronache di Midda!

www.seanmacmalcom.org
presenta

www.middaschronicles.com
il Diario - l'Arte
l'Enciclopedia

News & Comunicazioni

Dopo la conclusione della 52° avventura di Midda, che ci ha accompagnato negli ultimi due mesi con il titolo L'uomo incacape a morire, inizia oggi la 53° avventura della nostra ex-mercenaria preferita: un'avventura, vi renderete presto conto, molto particolare, e che, nostro malgrado, potrebbe scoprirsi essere qual l'incredibile e disturbante conclusione di un viaggio durato più di dieci anni!
Non aggiungo altro, e vi lascio all'episodio 2700 della serie regolare dal titolo... Il risveglio.

Buona lettura!... e grazie a tutti!

Sean, 16 ottobre 2018

giovedì 11 dicembre 2008

336


P
roseguendo in tale confronto, madre e figlia, con annessi nipotini, fecero ritorno a casa. Come nella maggior parte dei casi era solito avvenire, tanto nelle famiglie più facoltose quanto in quelle più umili, la dimora si proponeva come un bene di valore tutt’altro che indifferente, quasi sicuramente l’eredità più importante da trasmettere di generazione in generazione, di padre in figlio: nel rispetto di tale norma, Gaeli e Hower, suo sposo, avevano ovviamente stabilito la propria famiglia là dove, un tempo, erano state quelle di Heska e di suo marito Mab’Luk.
Se fino a trent’anni prima, pur adiacenti, le abitazioni in questione si sarebbero proposte ancora come nettamente distinte, non diversamente dalle botteghe ad esse correlate, a seguito del matrimonio che aveva visto celebrata l’unione eterna fra gli ultimi discendenti di tali famiglie, esse erano state unite a formare un unico e più vasto complesso. Di quello che un tempo era stato lo spazio di carpenteria appartenuto al padre di Mab’Luk ed ai suoi antenati, a in conseguenza della scelta del medesimo di restare accanto alla moglie nel suo desiderio proseguire con l’opera di Lafra, restava oggi ormai solo il ricordo, un dolce e meraviglioso ricordo, sicuramente nostalgico, nel cuore di Heska, ormai la sola a potersi ricordare come si sarebbero proposti quegli ambienti tre decenni prima. Entrambe le botteghe, unificate ad essere una medesima, si concedevano così all’arte del fabbro e nel contesto specifico di quella giornata di festa, si proponevano fin troppo sature di clienti, quasi necessitando di un ulteriore estensione per poterli ospitare comodamente tutti.

« Il lavoro non manca, per fortuna… » commentò la nonna, rivolgendosi verso sua figlia.
« Lavoro… papà bello… » annuì con grande convinzione Jarah, proponendosi con un’espressione a dir poco seria, da vero intenditore dell’argomento « Sì… bello lavoro. » ripeté muovendo il capo ancora una volta con fare affermativo.
« Sicuramente non manca. » sorrise Gaeli, accarezzando la nuca del figlio ancora sorretto in braccio « Quello che spesso mi viene a mancare, purtroppo, è mio marito: sempre troppo preso dietro a consegne, richieste, ordinazioni… »
« Non lamentarti per questo. » le rispose con dolcezza la prima, scuotendo il capo « Inevitabilmente arriveranno i periodi di crisi ed allora vedrai che ci sarà da… »

La frase, però, morì sulle labbra di Heska nel momento in cui ella individuò, all’interno della folla di potenziali clienti per il genero, la cantastorie che aveva intrattenuto poco prima la gente in piazza: fuggitale da davanti agli occhi, ora ella si ritrovava ad esserle nuovamente offerta, in un segno pressoché inequivocabile del destino. Ignorare tale presenza sarebbe stata, sicuramente, una mossa terribilmente sciocca e superficiale.

« Madre? » la richiamò Gaeli, notando per un momento l’attenzione di ella farsi nuovamente assente in riflessioni personali.
« E’ ancora lei… » indicò ella, attraverso il proprio sguardo alla figlia « Non può essere una coincidenza. »
La giovane donna offrì il proprio interesse nella direzione proposta dalla madre, andando ad incrociare così l’immagine dell’anziana bardo, aggrottando la fronte, in conseguenza, con curiosità.
« Potresti farmi un favore, bambina mia? » proseguì Heska, allungando il proprio braccio libero per richiederle tacitamente anche il secondo nipote, a volerla liberare dalla presenza del bambino « Potresti andare a sentire cosa cerca quella donna? Se non è nulla in particolare, vorrà dire che tutte le mie preoccupazioni sono semplicemente in frutto di una mente troppo vecchia e stanca… altresì, torna da me e riferiscimi cosa desidera. Te ne prego. »

Gaeli rimbalzò con il proprio sguardo fra la madre e la straniera, incerta, dubbiosa, eppur, ovviamente e femminilmente, curiosa: non le riusciva ad essere chiaro come o perché quel cantore riuscisse ad attirare tanto interesse da parte di sua madre ma, pur preoccupandosi per ciò, non avrebbe potuto ignorare la richiesta di ella, conoscendola fin troppo bene, sapendo perfettamente che mai e poi mai avrebbe ceduto di fronte ad un’eventuale diniego da parte sua. Meglio, pertanto, sarebbe stato accontentarla e chiudere quanto prima la questione, piuttosto di protrarla ancora per le lunghe, aumentando quel senso di disagio che avvertiva chiaramente nell’aria. Senza offrire un’esplicita risposta all’interlocutrice, la giovane consegnò quindi il figlioletto, recalcitrante a tale abbandono, all’abbraccio della nonna, in cui comunque si trovò subito a proprio agio iniziando un lungo e parzialmente incomprensibile dialogo con il fratello gemello, per poi dirigersi con passo incerto verso il proprio obiettivo.
Heska non poté evitare di ringraziare in cuor suo la figlia, osservandola con dolcezza in quel momento.
Era incredibile come in ella riuscisse a ritrovare, contemporaneamente, se stessa ed il proprio defunto sposo, in una fusione di caratteri e caratteristiche perfetta ed inimitabile, frutto evidente dell’amore completo e puro nel quale era stata concepita. I capelli rossi, mantenuti in un taglio lungo ma ordinato nel raccoglierli alti dietro la nuca, si concedevano esattamente nella medesima tonalità di Mab’Luk, quasi tendenti all’arancione, nella loro stessa corposità e consistenza, non ponendo in alcun modo possibilità di equivoco in merito alla paternità della piccola: gli occhi color del mare, in contrapposizione, erano evidente retaggio della madre, immensi e risplendenti della medesima luce di dolcezza ed ingenuità che, di certo, un tempo chiunque avrebbe veduto in Heska. Trasparente della sua anima, infatti, quello sguardo concedeva una chiara indicazione su come nel cuore giovane Gaeli i sentimenti, le emozioni, il confronto con il mondo non fosse per nulla diverso rispetto a quello che sua madre aveva avuto fino all’incontro con lord Sarnico e, di ciò, una parte del cuore della stessa genitrice non poteva che essere felice, temendo, anzi, la possibilità che mai un giorno tale bagliore puro ed immacolato potesse venir meno, in conseguenza di orrori simili a quelli da se stessa vissuti. Con un corpo delicato, ancora per certi versi adolescenziale nonostante la maternità avesse accentuato le curve del suo profilo, ella concedeva la propria pelle chiara in contrasto con quella di Heska, ancora una volta richiamante un passato che mai più, almeno per la seconda, sarebbe potuto ritornare: movimenti delicati, quelli da lei condotti attraverso la folla, passi leggeri e naturalmente armonici che nulla le avrebbero fatto invidiare nel confronto con la maggior parte delle altre donne, ponendola nonostante il proprio ceto sociale, non seconda neppure alle famose e, ovviamente, bellissime nobildonne del continente. Vestita a festa in quel giorno di celebrazione, Gaeli proponeva un abbigliamento predominato dal color verde in diverse sfumature. Nella parte superiore del proprio corpo, una camiciola si concedeva in stoffa di smeraldo ornata da voluminosi orli in pizzo giallo-dorato: tale indumento, pur coprendole le spalle e ridiscendendo lungo le braccia fino quasi a sfiorare i polsi, lasciava completamente scoperto l’incantevole décolleté, mostrando le forme non eccessive ma tutt’altro che povere dei suoi seni, stretti nella stoffa da un lungo intreccio di lacci utili a mantenere la stessa serrata sull’addome. Nella parte inferiore, poi, sia corti ed attillati pantaloni, di colore verde scuro, sia una gonna, in tonalità maggiormente tendenti al giallo, celavano le sue tornite gambe, avvolgendole con grazia assolutamente naturale: la seconda, nel dettaglio, si concedeva aperta nella sua parte anteriore, rendendo in questo necessaria la presenza dei primi ma concedendo, al contempo, un connubio di eleganza e di praticità, donando alla giovane assoluta libertà di movimento senza alcun genere di intralcio. Ai piedi, infine, nella comoda necessità derivante dal contesto insulare, si mostravano, nonostante il giorno di festa, eleganti e graziosi sandali, in coordinato con la camiciola superiore.
Un’immagine, quella di sua figlia, di cui Heska non sarebbe potuta che essere ogni giorno fiera, orgogliosa ed, addirittura, a volte timorosa, in particolare quando ella decideva di accompagnare il marito in non rari viaggi a scopo commerciale verso il continente. Pur sapendo che Hower avrebbe dato la propria vita per difendere quella della moglie, e a differenza del suo tenero Mab’Luk egli avrebbe anche saputo combattere in maniera adeguata per tale scopo, ella non sarebbe mai riuscita a restare serena ed avrebbe continuato ad insistere, ogni volta, per poterli accompagnare. Ovviamente, poi, nella maggior parte dei casi ella avrebbe ceduto di fronte alla naturale negazione dei due giovani, ma sul proprio cuore, in tali timori, non avrebbe mai smesso di gravare inesorabilmente l’ombra del proprio torturatore, di quel passato da cui mai si sarebbe potuta realmente liberare.

Nessun commento: